A L T E R R A T I V E | Film
329
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-329,ajax_fade,page_not_loaded,,show_loading_animation,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
 

ALTERRATIVE: il film

260

giorni di viaggio

60

interviste

33

organizzazioni

2

lingue

L’idea del film nasce on the road, ascoltando le storie delle persone meravigliose che Stefano e Daniela incontrano in viaggio: vedendo i loro sorrisi e sguardi si rendono conto che sarebbe troppo difficile rendere su carta quello che gli incontri e i racconti delle persone trasmettono loro; un film è invece in grado di togliere filtri e mediazioni mettendo le persone al centro della narrazione e dando spazio alle parole, agli sguardi, ai colori e ai suoni.

 

L’insieme delle interviste e delle immagini del viaggio sono confluite così nel film di ALTERRATIVE, il cui tema principale è quello delle storie di difesa dei beni comuni (acqua, terra e cibo) e dello sviluppo di realtà  alternative.

 

Il film affronta in primo luogo l’argomento della lotta per la terra e della possibilità da parte delle comunità locali di decidere come utilizzarla, resistendo a progetti nocivi come l’estrazione mineraria, la speculazione edilizia e le grandi infrastrutture, mega-progetti spesso inutili e imposti alle comunità con la forza, a cui la società civile sta rispondendo proponendo alternative più sostenibili e socialmente accettabili.

 

In secondo luogo il film racconta della lotta in difesa dell’acqua come bene comune e della resistenza alla sua privatizzazione. Terra e acqua, insieme ai semi, sono alla base dell’agricoltura: il film documenta anche il lavoro di chi si oppone all’agricoltura convenzionale basata sulla chimica e sulla monocoltura, un’agricoltura finalizzata al profitto a favore di un’agricoltura biologica, diversificata e sostenibile principalmente volta a produrre cibo sano e genuino.

 

Una parte specifica del film è dedicata al ruolo delle donne; frequentemente sono proprio le donne a essere le vere protagoniste della difesa dei loro diritti, quelli delle loro famiglie e comunità. Le donne sono molto spesso fulgidi esempi di forza e tenacia, ma anche attive promotrici di sviluppo economico, umano e sociale dal basso.

 

Il film si rivolge a giovani e adulti, a uomini e donne, e vuole raccontare come ognuno di noi può cambiare la realtà che lo circonda, non importa quanto complicata e difficile essa possa sembrare. L’impegno e l’unione permettono di affrontare qualsiasi tipo problema e di cercare mondi diversi dove costruire realtà nuove, più sostenibili e più armoniose, con allegria e speranza.

 

Il finale è un finale positivo, luminoso, composto da tutti i messaggi di gioia e di speranza raccolti durante il viaggio, sorrisi timidi, parole dolci, pensieri profondi e forti, espressi da persone normali che lottano in prima persona e quotidianamente per valori come la pace, la libertà, l’uguaglianza e la giustizia e che spesso hanno pagato, e pagano tuttora, a duro prezzo le loro scelte.

 

Tutto il materiale utilizzato è materiale originale, composto da interviste in lingua spagnola e inglese, registrate durante il viaggio con oltre 60 rappresentanti di 33 movimenti sociali, collettivi, organizzazioni comunitarie, cooperative, imprese sociali, ONG locali e istituti di ricerca.

  • World Social Forum 2015, Tunisi – Tunisia
  • L’Amministrazione del comune di Marinaleda e la Cooperativa  El Humar,  Marinaleda – Spagna
  • The Gill Tract Community Farm,  San Francisco (California) – Stati Uniti
  • Frente de Pueblos en Defesa de la Tierra – Nexquipayac,  Atenco – Messico
  • Desarrollo Economico y Social de los Mexicanos Indigenas, Asociacion Civil,  San Cristobal de las Casas (Chiapas) – Mexico
  • Hogar Comunitario Yach’il Antzetic, A.C.,  San Cristobal de las Casas (Chiapas) – Messico
  • Giunta di buon governo “Corazon del arcoiris de nuestra esperanza”,  Morelia (Chiapas) – Messico
  • Lake Atitlan – Women Weavers Cooperative,  San Pedro Atitlan – Guatemala
  • Coordinadora Nacional de Viudas de Guatemala – CONAVIGUA, Città del Guatemala – Guatemala
  • Asociación Nacional de Agricultores Pequeños (ANAP),  L’Avana – Cuba
  • Finca Marta, L’Avana – Cuba
  • Acción Ecológica, Quito – Equador
  • ECUARUNARI – Confederación Kichwa del Ecuador,  Quito – Equador
  • Federación de Organizaciones del Azuay – FOA,  Cuenca – Equador
  • Fundación TIERRA,  La Paz – Bolivia
  • Fundación Abril,  Cochabamba – Bolivia