A L T E R R A T I V E | La memoria dell’acqua
561
post-template-default,single,single-post,postid-561,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,show_loading_animation,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive

La memoria dell’acqua

La memoria dell’acqua

4 Aprile. Sono passati 16 anni da quella che è conosciuta come la Guerra dell’Acqua. Durante il viaggio abbiamo avuto la fortuna e l’onore di conoscere Oscar Olivera che in quelle lunghe e dolorose giornate era il portavoce di un popolo che aveva visto tassata anche la raccolta dell’acqua piovana. Sono passati 16 anni da quel 4 aprile 2000 quando tutti e tutte si mobilitarono contro la privatizzazione dell’acqua. Una lotta che portava con se anche la richiesta di democrazia partecipativa, trasparenza e difesa dei beni comuni.

Ricordare quei giorni guardando al presente, ma soprattutto al futuro. Riprendere l’allegria e la speranza di quell’aprile per continuare a combattere contro chi si appropria delle decisioni delle e della voce delle persone, chi si fa corrompere, chi usa qualsiasi tipo di arma per distruggere l’autonomia di pensiero, critica e azione. Oscar sente tutto questo come un obbligo “fummo gioia, fummo speranza, dobbiamo tornarlo ad esserlo, non è una responsabilità, ma un obbligo”

Riflettere su ciò che è stato, su come sono andate le cose dopo la cacciata delle Bechtel, affrontare i nuovi problemi e le  nuove sfide. Le parole di Oscar ce le portiamo dentro, sono sempre presenti ogni volta che agiamo. La sua determinazione e la sua capacità di trasmettere allegria ci hanno insegnato  a prendere le nostre responsabilità senza perdere mai il sorriso. Grazie Oscar, grazie Cochabamaba.

w l’acqua, w la vita!

Per sapere di più su la guerra dell’acqua di Cochabamba, vai al link con l’intervista ad Oscar: https://alterrative.net/2015/09/05/cochabamba-no-allacqua-privata-si-alla-vita/

@LTERR@T!VE

No Comments

Leave a Comment